Chi Siamo

COSIND SA – Compagnia di Sviluppo Industriale è una delle più importanti società operanti da oltre trent’anni nel settore della consulenza per l’ottenimento e la gestione di finanziamenti e contributi stanziati dall’Unione Europea, dai Governi di vari paesi Europei ed in particolare dal Governo Italiano a favore della ricerca scientifica e dello sviluppo tecnologico. Coopera con le maggiori Università Italiane e con le più importanti Banche (pubbliche e private) ed Enti Finanziari Europei ed ha un portafoglio clienti di oltre 400 imprese industriali alle quali fornisce, in maniera continuativa, la sua consulenza tecnica e finanziaria.

Più in particolare la società opera nel campo della consulenza ed assistenza alle imprese industriali per tutte le attività connesse alla corretta impostazione e successiva gestione dei progetti di Ricerca e Sviluppo ideati dalle imprese stesse.

Tale attività è finalizzata, in via principale ma non esclusiva, al reperimento di finanziamenti e contributi relativi alle attività di R&D previsti da normative Europee, nazionali e/o regionali.

 

SCARICA IL NOSTRO COMPANY PROFILE

Contattaci per avere maggiori informazioni

@

ULTIMI BANDI PUBBLICATI

PROGETTI DI R&S NELLE 12 AREE DI SPECIALIZZAZIONE (MIUR)

Con questo strumento il MIUR intende creare e stimolare un ecosistema favorevole allo sviluppo “bottom-up” di progetti rilevanti, attraverso forme di partenariato pubblico-privato che integrino, colleghino e valorizzino le conoscenze in materia di ricerca ed innovazione. Le agevolazioni concesse riguardano progetti rientranti nelle 12 Aree di Specializzazione identificate nel PNR 2015-2020: Aerospazio Agrifood Blue Growth Chimica verde Cultural Heritage Design, creatività e Made in Italy Energia Fabbrica Intelligente Mobilità sostenibile Salute Smart, Secure and Inclusive Communities Tecnologie per gli Ambienti di Vita   Scarica la Scheda Informativa

Gli Accordi di Innovazione

Gli Accordi di Innovazione hanno l’obiettivo di favorire la competitività delle imprese, attraverso il sostegno a programmi di innovazione, sia di prodotto che di processo, che abbiano un impatto significativo sulla salvaguardia e sull’aumento dell’occupazione. Gli Accordi di Innovazione sono a disposizione di imprese e i centri di ricerca che presentino un progetto innovativo, di grande dimensione, da realizzarsi nell’ambito di una o più delle proprie unità locali ubicate nel territorio nazionale italiano. I progetti presentati dovranno prevedere sia attività di ricerca industriale che attività di sviluppo sperimentale, strettamente connesse tra loro e finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi, o al miglioramento di prodotti, processi o servizi già esistenti.

Investimenti Innovativi per le PMI (Regioni di Convergenza)

Le agevolazioni previste da questo strumento sono rivolte a programmi di investimento innovativi, coerenti con il “Piano nazionale Industria 4.0”, finalizzati a rafforzare la competitività delle PMI locali e a favorire la transizione del settore manifatturiero verso la cosiddetta “Fabbrica Intelligente”, aumentando il grado di efficienza ed il livello di flessibilità nello svolgimento dell’attività produttiva. I progetti devono: essere diretti alla realizzazione di una nuova unità produttiva ovvero all’ampiamento, al cambiamento fondamentale del processo di produzione di un’unità produttiva esistente o ad una diversificazione del sistema di offerta dell’impresa funzionale ad ottenere prodotti mai fabbricati in precedenza; essere realizzati presso un’unità produttiva localizzata nei territori

Riqualificazione delle aree di crisi industriale e di settore (L. 181/89)

La legge 181 con le sue ultime modifiche del 09.06.2015 (in Gazzetta Ufficiale n.178 del 03.08.2015) supporta diversi programmi di investimento riguardanti unità produttive ubicate nei territori dei Comuni ricadenti nelle aree di crisi industriale complessa o nelle aree di crisi industriale non complessa, con impatto significativo sullo sviluppo dei territori interessati e sull’occupazione. In particolare, ciascun programma di investimento deve essere da solo sufficiente a conseguire gli obiettivi previsti e riguardare un’unica unità produttiva, ad eccezione dei progetti per l’innovazione dell’organizzazione che, qualora presentati in forma congiunta, possono riguardare più unità produttive. Gli investimenti devono prevedere spese per almeno 1,5 milioni di euro e le